fbpx Giuseppe Iannone - MioDottore.it
Quando il partner tradisce

Quando il partner tradisce

Cosa fare quando il partner tradisce? Prima di tutto, tradire significa venir meno ai propri doveri e mancare alla fiducia che altri hanno in noi.

Subire un tradimento è un fenomeno molto comune. Infatti secondo alcune stime un partner su cinque tradisce ad un certo punto della relazione. Per alcune persone rappresenta un trauma psicologico che può essere vissuto addirittura come un vero e proprio lutto, soprattutto se concomitante alla fine della relazione.

Il tradimento è spesso accompagnato da una serie di reazioni psicologiche che vanno da un senso di solitudine, a confusione, tristezza, rabbia, gelosia, rammarico, disperazione e dolore estremo. In aggiunta a questo il tradimento è accompagnato anche da sintomi fisici come insonnia, incubi, stanchezza, difficoltà di concentrazione, tachicardia, agitazione, dolori, tensione muscolare.

Cosa causa l’infedeltà?

Sebbene l’infedeltà possa essere causata da diversi fattori, Cosa fare quando il partner tradisce vi è quasi sempre un sentimento di insoddisfazione (personale e/o nella relazione).

Stabilità, sicurezza, intimità fisica ed emotiva, amicizia e compagnia: quando uno o più di questi fattori è deficitario, uno o entrambi i partner possono sentirsi insoddisfatti e l’insoddisfazione può aumentare la probabilità di infedeltà.

Va però sottolineato come l’insoddisfazione non porti necessariamente e sistematicamente all’infedeltà. Spesso altri fattori entrano in gioco, e tra questi l’incapacità di gestione di problemi personali o di coppia, bassi livelli di autostima, instabilità emotiva, dipendenza dal sesso, sintomi depressivi.

Infine, il tradimento può costituire una vera e propria strategia di uscita dalla relazione in corso.

Ce la farò?

Superare il trauma, tornare a essere felici quando il partner tradisce e riprendere in mano la propria vita dopo aver subito un tradimento è possibile ma richiede tempo.

Il tempo medio di recupero è più o meno di due anni ma naturalmente la risposta varia da individuo a individuo. Alcuni fattori che determinano la durata del recupero sono la particolare situazione che ha preceduto e accompagnato la relazione, l’accettazione di quello che è successo, lo stile di attaccamento proprio e del partner, ecc.

Il processo di recupero

Il processo di recupero segue solitamente specifiche fasi:

La fase del trauma: una volta appreso del tradimento la persona tradita può sentirsi travolta in un turbinio di emozioni. Dall’incredulità allo shock, dalla rabbia alla tristezza, dal desiderio di vendetta alla disperazione, dalla frustrazione all’autocommiserazione. Anche i sintomi fisici quali perdita di appetito, riduzione del sonno e calo del peso non sono rari in questa fase.

La fase della chiarificazione: la persona comincia a prendere piena coscienza che il tradimento è effettivamente accaduto. Nonostante l`instabilità emotiva sia ancora presente, vi è anche il bisogno di capire razionalmente perché il tradimento è avvenuto.

La fase della soluzione del problema: nonostante vi siano ancora alti e bassi, le emozioni diventano più gestibili. In questa fase è quindi possibile lavorare su come dare un nuovo senso al tradimento, su come riappropriarsi della propria vita e fare programmi e progetti per il futuro.

Avere subito un tradimento è un’esperienza che lascia l’individuo indifeso e traumatizzato e che provoca emozioni negative e ricordi spiacevoli. Se non trattati efficacemente, questi possono causare forte sofferenza psicologica e diminuire la qualità della vita.

Cosa fa lo psicologo in questi casi?

Il sostegno psicologico in questi casi è un’opportunità per ripartire. In questi casi rivolgersi ad uno psicologo può essere d’aiuto per:

  • conoscere le reazioni emotivo-comportamentali che tipicamente seguono a un tradimento; ridurre i livelli di stress fisico e mentale associati all’esperienza del tradimento;
  • dare senso e rifigurare un trauma e una storia facendo luce sulla vera natura della relazione, comprendendo cosa è successo e assumendo nuove prospettive sull’accaduto;
  • esprimere ed elaborare i propri pensieri/convinzioni distorti (è tutta colpa mia, avrei dovuto accorgermene, non troverò mai più un altro partner, resterò per sempre da solo/a, …);
  • esprimere ed elaborare le proprie emozioni circa l’accaduto (tristezza, disperazione, rabbia, gelosia, rammarico, sensi di colpa); non lasciarsi travolgere da pensieri/emozioni negativi ma gestirli efficacemente;
  • recuperare la fiducia in se stessi e non restare ancorati alla situazione presente; imparare e mettere in pratica strategie per promuovere la cura sia fisica che psicologica di se stessi; uscire dall´isolamento;
  • capire se si è disposti a perdonare, se ci sono le basi per recuperare la relazione o se invece è più opportuno ricominciare e riprogettare il proprio futuro e la propria vita altrimenti.

Cosa fare quando il partner tradisce? Ritornare a stare bene e recuperare la fiducia in se stessi e negli altri può richiedere tempo ma con un supporto adeguato il processo di guarigione sarà più rapido e permanente.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi