fbpx Giuseppe Iannone - MioDottore.it

Il demone del gioco (parte 4)

La luce alla fine del tunnel: uscire dal Disturbo da Gioco d´Azzardo

Uscire dal tunnel del Gioco d´Azzardo Patologico è possibile. Eppure solo il 6% della popolazione clinica chiede aiuto ad un professionista della salute. Forse perché si è convinti di non farcela, forse per vergogna ad esporsi, o per la poca visibilità e chiarezza delle strutture dove recarsi per chiedere aiuto.

La strategia migliore è di tipo integrata (farmacologica e psicologica) e multidisciplinare, e prevedano il coinvolgimento non solo del paziente ma anche dei familiari. Gli interventi di tipo psicologico, in particolare, sono utilissimi per aiutare il paziente a individuare attività di svago alternative funzionali, a riconoscere le situazioni che attivano il comportamento disfunzionale, tecniche di regolazione delle emozioni e dell´impulsività, a modificare i pensieri disfunzionali che caratterizzano e sostengono il gioco patologico come, per esempio, la tendenza a sovrastimare la probabilità di vincita, l’illusione di avere un controllo sulla vincita, la convinzione che una vincita debba necessariamente verificarsi dopo una sequenza di perdite (fallacia del giocatore), la tendenza a ricordare solo le vincite e dimenticarsi le esperienze negative connesse alle perdite, colloqui per motivare il paziente al cambiamento dei comportamenti collegati alla dipendenza). Attraverso questi interventi il soggetto impara a identificare autonomamente gli stimoli scatenanti, siano essi interni o esterni, che portano ad un’attivazione del sistema nervoso autonomo con una successiva attivazione dei pensieri di gioco sulla base dei quali si attiva un bisogno impellente di giocare.

Gli obiettivi dell´intervento psicologico sono finalizzati alla cessazione del gioco d’azzardo (evitando anche i minimi stimoli e qualsiasi tipo di giocata), alla prevenzione delle ricadute e alla gestione di eventuali altre patologie psichiatriche (disturbi di personalità di tipo antisociale, borderline, istrionico e narcisistico, il disturbo ossessivo-compulsivo, sembrano essere molto prevalenti tra i giocatori patologici). Esistono poi tutta una serie di azioni di prevenzione del gioco d´azzardo, quali la riduzione sul territorio delle slot-machines, l´attivazione di campagne di prevenzione per informare su segni e sintomi “sentinella” di esistenza del problema, e sulle vere probabilità di vincita, informazioni sui servizi cui rivolgersi in caso di problemi già esistenti. Ovviamente, i trattamenti devono essere personalizzati sulla base delle caratteristiche del paziente e delle sue aspettative. Infine, molto utili e ben accettati sono i gruppi di auto-aiuto (giocatori anonimi) che hanno anche un buon effetto socializzante.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi