fbpx
Psicoterapia donna

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna

Come funziona la psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna? Le disfunzioni sessuali sono un gruppo di disturbi caratterizzati da una capacità anomala di avere relazioni sessuali o di provare piacere sessuali.

Quali sono le disfunzioni sessuali tipiche della donna?

Le disfunzioni sessuali nella donna includono il disturbo dell´orgasmo, il disturbo del desiderio sessuale e dell´eccitazione e il disturbo del dolore genito-pelvico e della penetrazione.

I disturbi della sfera sessuale possono essere generalizzati, quando le difficoltà non sono limitate a determinati tipi di partner, situazioni o stimolazione. Oppure situazionali, quando, appunto, si verificano solo con determinati tipi di stimolazione, partner o situazioni. 

I disturbi poi possono essere permanenti, se sono presenti fin dalle prime esperienze sessuali. Oppure acquisiti, se invece compaiono a seguito di un periodo relativamente normale di prestazioni sessuali.

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali femminili via Skype o Whatsapp

Cos`è il disturbo dell´orgasmo femminile?

L´ansia è nemica dell´orgasmo
L´ansia è nemica dell´orgasmo

Il disturbo dell´orgasmo femminile è caratterizzato da una marcata difficoltà a raggiungere l´orgasmo oppure da una riduzione dell´intensità dell´orgasmo stesso durante un rapporto sessuale.

Questo al netto del tipo di orgasmo o della sua intensità orgasmiche che può variare sia di donna in donna che addirittura nella stessa donna in occasioni differenti.

Affinché si possa parlare di disturbo dell´orgasmo femminile, i sintomi devono presentarsi in almeno 3 rapporti su 4 per una durata minima di almeno circa 6 mesi.

La soddisfazione sessuale nella donna dipende esclusivamente dal raggiungimento dell´orgasmo?

No. Infatti molte donne riferiscono di avere una vita sessuale soddisfacente anche senza dover per forza raggiungere l´orgasmo.

Va aggiunto che nelle donne con disturbo dell´orgasmo possono esserci concomitanti difficoltà di desiderio o di eccitazione sessuale.

Una donna su dieci non ha mai raggiunto l´orgasmo
Una donna su dieci non ha mai raggiunto l´orgasmo

Sono molte le donne che soffrono di disturbo dell´orgasmo?

Solo una percentuale di donne che prova difficoltà di orgasmo riferisce anche un disagio associato. Secondo il DSM-5 i tassi i di prevalenza variano da un 10% al 42%.

La percentuale di donne che invece non raggiunge mai l´orgasmo è di circa il 10% (APA, 2013).

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali femminili via Skype o Whatsapp

Quali donne sono maggiormente a rischio di soffrire di disturbo dell´orgasmo?

Tra i fattori psicologici vanno ricordati sicuramente l´ansia e la paura di una gravidanza indesiderata. Entrambi i fattori sono infatti in grado di interferire con la capacità di provare l´orgasmo.

Anche i problemi relazionali con il partner possono associarsi a difficoltà di orgasmo.

Esistono una serie di condizioni mediche, come la sclerosi multipla, le lesioni ai nervi pelvici e del midollo spinale che influenzano negativamente la qualità dell´orgasmo.

Infine alcuni farmaci (come alcuni antidepressivi) possono ritardare o addirittura inibire l´orgasmo.

Invece, essere in menopausa non è associato al rischio di difficoltà di orgasmo.

Menopausa e orgasmo
Anche chi è in menopausa può raggiungere l´orgasmo

Quali sono invece le caratteristiche del disturbo del desiderio sessuale e dell´eccitazione femminile?

Il disturbo del desiderio sessuale e dell’eccitazione femminile è caratterizzato dalla mancanza o da una significativa riduzione del desiderio o dell’eccitazione sessuale.

Le donne che soffrono di questo disturbo riportano

1)Assente o ridotto interesse per l’attività sessuale.

2)Assenti o ridotti pensieri sessuali ed erotici.

3)Assente o ridotta iniziativa nel rapporto sessuale o rifiuto delle iniziative del partner.

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali femminili via Skype o Whatsapp

4)Assente o ridotta eccitazione o piacere durante l’attività sessuali.

5)Assente o ridotto desiderio sessuale in risposta a stimoli sessuali erotici sia interni che esterni.

6)Assenti o ridotte sensazioni genitali durante l’attività sessuale.

Tali sintomi devono manifestarsi in almeno tre rapporti su quattro, protrarsi per un minimo di circa 6 mesi e causare un disagio clinicamente significativo.

 Come si manifesta il disturbo desiderio sessuale e dell´eccitazione femminile?

Il desiderio sessuale cambia negli anni
Come cambia il desiderio sessuale cambia negli anni?

Il disturbo si associa ad attività sessuale poco frequente e a un calo evidente e significativo del desiderio sessuale.

Quante donne soffrono di questo disturbo?

La prevalenza del disturbo è oggi sconosciuta. Sappiamo invece che per alcune donne la mancanza di interesse o di eccitazione sessuale è stata presente per tutta la vita sessuale. Per altre donne invece il disturbo è insorto a seguito di un funzionamento sessuale normale.

Va anche detto che i cambiamenti nel desiderio e nell’eccitazione sessuale avvengono comunque nel corso della vita. Per esempio in alcune donne in avanti con l’età si assiste a un calo fisiologico del desiderio e dell’eccitazione sessuale.

Quali donne sono maggiormente a rischio di soffrire di disturbo dell´eccitazione e del desiderio sessuale?

Il diabete o le disfunzioni della tiroide sono fattori di rischio per il disturbo del desiderio sessuale e dell’eccitazione sessuale femminile. Anche le prime relazioni con i genitori e i fattori stressanti durante l’infanzia influenzano il desiderio e l’eccitazione sessuale futuri.

Difficoltà relazionali e calo del desiderio
Difficoltà relazionali e calo del desiderio

A questo dobbiamo aggiungere pensieri e atteggiamenti negativi riguardo alla sessualità e una storia passata di disturbi mentali. Infine il disturbo può riflettere difficoltà relazionali con il proprio partner.

Cos’è il disturbo del dolore genito-pelvico e della penetrazione?

Il disturbo del dolore genito-pelvico è una disfunzione sessuale femminile.

Il disturbo è caratterizzato dalla presenza di difficoltà, con almeno uno dei seguenti problemi, per una durata di almeno 6 mesi.

1) Penetrazione vaginale durante il rapporto.

2) Dolore vulvovaginale o pelvico durante il rapporto o durante i tentativi di penetrazione vaginale.

3) Paura o ansia per il dolore pelvico vulvovaginale prima, durante o come risultato della penetrazione vaginale.

4) Tensione o contrazione dei muscoli del pavimento pelvico durante i tentativi di penetrazione vaginale.

La contrazione dei muscoli del pavimento pelvico
causa dolore durante i rapporti sessuali
La contrazione dei muscoli del pavimento pelvico
causa dolore durante i rapporti sessuali

Da cosa è caratterizzato questo disturbo?

La persona con questo disturbo può essere totalmente incapace di fare esperienza di penetrazione vaginale non solo durante il rapporto sessuale ma anche durante una visita ginecologica o addirittura durante l´inserimento dell´assorbente.

Il dolore può essere superficiale o profondo o può essere sia spontaneo che provocato. Questo poi può persistere anche dopo che il rapporto è terminato e verificarsi per esempio durante la minzione o durante una visita ginecologica.

La paura del dolore o il dolore possono portare all’evitamento di situazioni sessuali o intime e in alcuni casi a una vera e propria fobia per la penetrazione.

Quante donne soffrono di questo disturbo?

Anche in questo caso la prevalenza del disturbo è sconosciuta ma si stima che nel Nord America il 15% delle donne riferisca dolore ricorrenti durante il rapporto sessuale.

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna è efficace. Chiamaci ora per un consulto.

Quali sono i fattori di rischio per questo disturbo?

Non è ancora chiaro se essere stati vittima di un abuso sessuale o fisico sia correlato all’insorgenza del disturbo.

Si sa invece che donne con una storia di infezioni vaginali lamentano dolore persistente durante la penetrazione anche quando le infezioni si sono risolte.

Quali fattori incidono sulle disfunzioni sessuali?

eziologia delle disfunzioni può riguardare fattori che coinvolgono il partner. Per esempio, problemi sessuali o stato di salute del partner. Oppure fattori relazionali, come scarsa comunicazione tra i partner o differenze del desiderio di attività sessuali.

I fattori di vulnerabilità individuale, invece, includono un´immagine corporea insoddisfacente, una storia di abuso sessuale o emotivo, ma anche soffrire di ansia o depressione.

Oppure essere causati da fattori stressanti come la perdita del lavoro, difficoltà economiche o un lutto.

Infine fattori culturali o religiosi possono rendere la persona inibita, riluttante o addirittura evitante nei confronti dell´attività sessuale.

Come può la psicoterapia aiutare le donne che soffrono di una disfunzione sessuale?

Come funziona la psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna? La psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna è un´ottima strategia di intervento se la disfunzione sessuale non ha cause organiche.

In tutti questi casi la psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna è un valido strumento per lavorare, per esempio, sulla rielaborazione di vissuti traumatici e stressanti, sulla qualità della relazione con il partner, sull´immagine di sé e i livelli di autostima, sulle ansie e le paure che sottostanno e accompagnano le disfunzioni sessuali.

La psicoterapia per le disfunzioni sessuali nella donna è efficace. Chiamaci ora per un consulto.